Cinque consigli utili per diventare food influencer

Cinque consigli utili per diventare food influencer

La cucina è un settore che sta davvero spopolando: in tv, nei social, nei blog… ovunque. Ma vi siete mai chiesti come si diventa un food influencer?
Potrebbe sembrare apparentemente semplice. Fai un primo piatto, scatti una foto con il cellulare, due filtri, pubblichi la foto, una didascalia, e vai. Il gioco è fatto. Tutto questo lo si può fare probabilmente in tre minuti, ma se vuoi che questo diventi un lavoro o qualcosa di più importante che un semplice hobby, ci vogliono delle accortezze in più.

Inoltre, vi siete mai posti la domanda: ma come mai questo food influencer è più seguito di quell’altro pur avendo meno capacità in cucina?

Saper comunicare è una dote, sui social soprattutto. Proprio per questo motivo alcuni semplici punti non dovrebbero mai venir meno.

Passiamo ora alla parte pratica dell’articolo. Qui di seguito analizzeremo cinque fondamenti che, ogni aspirante food influencer, dovrebbe applicare.

 

  • Foto di qualità.

Sicuramente penserete sia una banalità, ma non è così.

Le foto per un social è come la vetrina ben allestita di un qualsiasi negozio di paese. Se quest’ultima non è accattivante e ben sistemata, non ci viene nemmeno la voglia di entrare a dar un’occhiata. Le foto son un po’ la stessa cosa.

Se un profilo non si presenta bene e non è curato, a nessuno verrà voglia di seguirlo. Con un semplice scatto bisogna trasmettere la golosità di quello che avete cucinato. Dovete essere in grado di far venire l’acquolina in bocca a chi in quel momento vi sta guardando. Banalmente si pensa che Photoshop possa creare miracoli. In parte anche si, ma se di base non c’è una buona qualità non si può far molto. Possiamo applicare tutti i filtri del mondo ma se il soggetto, ad esempio, non è a fuoco, si può far poco. Assicuratevi quindi di avere degli strumenti di lavoro molto buoni.

  • Creare una scenografia.

Una buona risoluzione nelle foto, come già detto, è fondamentale, ma non basta!  

È necessario creare una scenografia!

Cosa significa? Semplicemente bisogna ricreare un set fotografico.

 

Fotografare il piatto non è sufficiente per catturare l’attenzione di chi vi sta guardando. È si necessario renderlo il protagonista dello scatto, ma è altrettanto importante “creare qualcosa di contorno” per rendere il tutto armonioso. Mettere in primo piano esclusivamente il piatto può diventare noioso. Non è necessario creare cose stratosferiche o troppo “pompose”, più si vuol strafare e più il risultato sarà un fiasco. 

Un esempio? Se avete preparato della pasta frolla non immortalatela da sola! Adagiatela sul piano di lavoro sopra una spruzzata di farina, accanto sistemate delle uova e un semplice frustino. Cercate la giusta angolatura e scattate! E ora provate a scattare una foto con solo la pasta frolla… ditemi, è la stessa cosa? Possono sembrare delle sciocchezze, o un qualcosa di poco conto, ma vi garantisco che fanno la differenza!

  • “Stare sul pezzo”.

Per chi non lo sapesse, stare sul pezzo vuol intendere: essere totalmente “immersi” in quello che state facendo e rimanere aggiornati di continuoIl significato a grandi linee è questo e lo dovete applicare ai vostri contenuti. Se stiamo entrando nel periodo di carnevale sarà fondamentale “stare sul pezzo” e proporre ricette legate a questo momento dell’anno. Proporre le chiacchiere a luglio non ha molto senso. Se invece vengono postate nel periodo carnevalesco sarà facile attirare l’attenzione di chi vi segue. Seguire le stagionalità e le tendenze del momento sarà quindi molto proficuo: vi garantirà un buon seguito e darete un taglio professionale al profilo.

  • Engagement e Marketing.

L’engagement spesso viene trascurato ma è uno degli elementi necessari per ottenere un buon risultato e diventare food influencer di successo. Ma che cos’è l’engagementÈ il saper “creare rete”, molto semplicemente. Bisogna riuscire a coinvolgere chi segue la pagina, i follower, con il profilo stesso. Creare una community, un buon traffico e un buon rapporto di fiducia. Essere in grado di far affezionare a se e ai propri contenuti i fans. Se qualcuno ci pone una domanda, ci invia una mail o un messaggio privato sarà buona norma rispondere e dar consigli se richiesti.

 Pensare di aumentare il numero degli iscritti alla propria pagina semplicemente postando foto è impensabile e poco corretto. Creare un legame con chi ci segue è sinonimo di grande professionalità. Il marketing è anch’esso fondamentale.

I contenuti preparati per il web necessitano di una buona pubblicità e di moltissime condivisioni. Stabilire quindi un piano marketing e collaborazioni dovrà stare alla base del vostro progetto.

Se avete a disposizione un budget destinato alla pubblicità, esistono svariate campagne online che si occupano proprio di questo. Hanno appunto lo scopo di dare visibilità alle pagine che richiedono tale consulenza e di incrementare gli iscritti.

  • Organizzazione piano editoriale.

Per diventare food influencer la costanza è uno dei tanti segreti per ottenere successo. Niente piove dal cielo, soprattutto quando si lavora con il web.
Una pagina, un profilo, un blog, non nasce oggi per avere domani cento mila iscritti. Per lo meno, chi intende intraprendere questo percorso in modo onesto.
È quindi essenziale riuscire ad essere presente ogni giorno con nuovi contenuti. Per riuscire ad incrementare è importante “imporre la propria presenza”. Un profilo incostante difficilmente riesce a trarre a se attenzione. Sarà quindi molto utile organizzare un piano editoriale ben strutturato e variegato. Schematizzare, appuntare ed organizzare è utile perché permette di rispettare il lavoro senza accavallare e/o saltare nulla. Segnate quando secondo voi è più opportuno postare un contenuto piuttosto che un altro, l’ora corretta – l’ora in cui c’è maggiore interazione – e i vari impegni web. Avere un’agenda ed un piano editoriale solo ed esclusivamente per il lavoro può di gran lungo cambiare le cose. 

Questi sono solo alcuni degli aspetti da tener conto quando si inizia a lavorare con il web, in realtà ce ne sono tantissimi, ma ritengo che questi siano i fondamentali.

Quelli che proprio non possono essere sostituiti.

HAI UN RISTORANTE?
ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO:
E' GRATIS!

Iscrivendoti al nostro corso imparerai a battere i tuoi concorrenti, attirare decine di nuovi clienti ogni giorno e massimizzare le vendite.

  • Impara a conoscere il tuo Buyer Persona
  • Crea un ecosistema autonomo di lead generation
  • Lead Nurturing: trasforma il visitatore in cliente
  • Vuoi trasformare il tuo ristorante in un Brand?
  • Aumenta da oggi il tuo fatturato

Iscriviti oggi al corso strategico di Online Marketing per Ristoranti.

Ho letto e accettato la normativa sulla Privacy